É IMPORTANTE LA POESIA ALLA SCUOLA PRIMARIA?

La poesia ha un posto nei traguardi nello sviluppo della competenza in madrelingua e tradizionalmente viene studiata nelle nostre classi. É un insegnamento ancora attuale? La poesia è un argomento importante per lo sviluppo delle competenze linguistiche dei nostri alunni? Abbiamo individuato alcuni motivi per cui riteniamo che insegnare la poesia sia una scelta attualissima.

  • AIUTA A SVILUPPARE L’ASCOLTO, LA COMPRENSIONE E LA PRODUZIONE ORALE: Incontrare testi che si discostano dalla narrativa aiuta i bambini a sviluppare un’apertura mentale a generi diversi: la poesia rappresenta un genere che non si incontra con frequenza nella vita extrascolastica ma che appassiona i bambini grazie al ritmo, alla musicalità ed al ricorso al nonsense o alla fantasia sfrenata.
  • SVILUPPA IL LESSICO: i bambini incontrano nelle poesie parole che non conoscevano o parole già note in contesti nuovi, dando loro nuovi orizzonti di significato. I bambini quindi sviluppano l’idea che la lingua non sia un codice rigido a cui aderire ma uno strumento, modellabile secondo il nostro desiderio, per esprimere ciò che desideriamo. Dare ai bambini nuove parole significa regalare loro uno strumento con cui descrivere il mondo, interiore o esteriore che sia.
  • ISPIRA: i bambini replicano ciò che conoscono ed esporli ad una molteplicità di stimoli dà loro la possibilità di esplorare questi mezzi espressivi anche quando si troveranno a produrre in autonomia un testo poetico. Ricordiamoci che esistono moltissimi generi di poesia (haiku, poesie in rima, limerick…)e che maggiore sarà la varietà che presenteremo ai bambini, maggiore sarà la possibilità che uno di questi generi “colga nel segno” con i nostri alunni.
  • INCORAGGIA IL PENSIERO DIVERGENTE: la poesia incoraggia a mettersi in gioco, a spostare i limiti delle regole, a rimaneggiare il nostro sentire per dargli una forma che ci rappresenti al meglio. Può essere lo spazio in cui trovano una voce anche bambini che solitamente non si espongono o che prediligono ambiti maggiormente operativi.

Aggiungiamo un contributo prezioso, cioè il parere di un vero poeta, attento e dedito all’infanzia:Bruno Tognolini. In quest’intervista, rilasciata a “La Vita Scolastica” parla del rapporto tra scuola e poesia: http://www.brunotognolini.com/doc/art-giu3.pdf

Spesso qui sul blog ci siamo occupati di poesia, suggerendo autori o percorsi di lettura:

Annunci

CONSIGLI PER GLI ACQUISTI: un libro di poesie per capire il mondo.

PRODOTTO: “Il tempo è mezza mela: poesie per capire il mondo”di Nicola Gardini

9788893812146_0_170_0_75.jpg

Si tratta di un volume di poesie che si rivolgono ai bambini in modo semplice ma non banale, affrontando temi tradizionalmente ritenuti “alti” per l’infanzia e li affronta in modo puro, senza sconti. Il risultato sono poesie delicate ma cariche di significato, prive di leziosità, che offrono ai bambini moltissimi spunti di riflessione.

La definizione che ne dà Bianca Pitzorno in quarta di copertina è calzante: “Le poesie di Nicola Gardini sono così belle, così serene, eleganti ed equilibrate, così fondamentalmente “positive”, come sapevano esserlo solo i grandi classici di una volta: semplici e profonde, talvolta spiazzanti per il gioco di parole, ma capaci di ricomporre subito ogni rischio di disordine o contraddizione”.

Ideale per un percorso sulla scrittura creativa, sulla socializzazione dei sentimenti e la conoscenza di sé. Abbiamo scelto di dare spazio anche ad autori meno conosciuti in ambito prettamente didattico, per rinnovare il repertorio di proposte per le classi, andando oltre gli amatissimi Rodari e Piumini.

COSTO: circa 10 euro.

ACQUISTALO SU AMAZON

FESTA DELLA MAMMA: risorse e attività per tutte le età.

Della mamma vale la stessa premessa che abbiamo espresso anche per la Festa del Papà, cioè che ciascuna insegnante sa valutare se all’interno della propria classe ci siano situazioni familiari che rendano indelicato festeggiare questa ricorrenza. Viviamo questa ricorrenza come un’occasione per celebrare legami familiari positivi ed installare un canale comunicativo valido con le famiglie.

POESIA: abbiamo individuato due poesie adatte all’occasione e le abbiamo divise per fascia d’età.

  • Scuola dell’infanzia-primo ciclo: Abbiamo scelto una filastrocca di Bruno Tognolini che descrive con allegria ed entusiasmo un rapporto madre figlio. festa della mamma

scarica qui la versione PDF: Per te, mamma di B. Tognolini

  • secondo ciclo della primaria: in rete si possono trovare tantissime risorse per poesie più articolate ma quest’occasione può essere un buon momento per un laboratorio di poesia. L’attività può prevedere un lavoro con le metafore: “La mia mamma è come…”  e ciascun bambino potrà lasciar correre la fantasia, trovando nuovi termini di paragone per la propria mamma. Scarica qui il nostro template su cui realizzare l’attività: la mia mamma è come…

ATTIVITÁ ESPRESSIVE: abbiamo realizzato un bel mazzo di fiori tutto in carta e cartoncino, con l’aggiunta di pirottini da cucina. Semplice ma d’effetto. Per le indicazioni su come realizzarlo, ecco qui: Impara l’arte e mettila da parte ep. 5: un mazzo di fiori speciale 💐 

Mettiamo come sempre a disposizione la nostra selezione su Pinterest: https://it.pinterest.com/viemaestre/festa-della-mamma/

FILM: Suggeriamo un paio di film che diano una visione varia del rapporto con la mamma che è sicuramente determinante e forte ma anche ricco di complessità e non sempre facile. Non instilliamo nei bambini un sentimento di inadeguatezza laddove il loro rapporto con la mamma non fosse sereno: sicuramente lo desiderano ma non dipende da loro. A tal proposito i film sono ottimi strumenti per far percepire ai bambini che ci sono altri nella loro stessa condizione: per un bambino questo è un messaggio fondamentale e molto rasserenante.

Abbiamo comunque scelto film sereni, che non esasperino questo aspetto ma che lo descrivano come una delle tante variabili possibili dell’esperienza familiare.

  • RIBELLE: film Disney di animazione che segue le avventure della ribelle Merida, che vive moltissime avventure, spesso in disaccordo con la madre.
  • MARY POPPINS: grande classico che descrive una famiglia i cui rapporti non sono perfetti, con una mamma positiva ma assente e distratta.  Ai bambini piace sempre e a breve è previsto un reboot che potranno andare a vedere al cinema a Natale (magari con la mamma)

 

 

 

Pasqua: attività e proposte inclusive.

PREMESSA:  la nostra idea di scuola è di un ambiente libero, accogliente, inclusivo, che faccia sentire a suo agio ogni bambino al di là della sua appartenenza culturale o religiosa. La Pasqua non è quindi un’occasione per celebrare a scuola una ricorrenza religiosa ma vorremmo dare alcuni spunti per festeggiare valori universali legati a questa festa: rinascita, vitalità, accettazione e perdono. In questo senso vanno interpretate le nostre proposte: non un’antitesi alle proposte tradizionali, ma una visione inclusiva della scuola di oggi.

A seconda della vostra classe e delle risorse a disposizione potete cimentarvi con diverse attività espressive: Impara l’arte e mettila da parte ep.6: pittura senza pennelli. Attività espressive inclusive. oppure Impara l’arte e mettila da parte ep. 5: un mazzo di fiori speciale 💐.

Abbiamo raccolto nella nostra bacheca Pinterest le proposte più accativanti :

Cerca tra i nostri pin a tema Pasqua!

POESIA. Come sempre Gianni Rodari ci viene in aiuto, con una poesia che si adatta a tutti i bambini, qualunque sia il loro background, concentrando il messaggio sui valori universali alla base di questa festività. Dall’uovo di Pasquaè uscito un pulcinodi gesso arancionecol becco turchino.Ha detto_ “Vado,mi metto in viaggioe porto a tuttiun grande messaggio”.E volteggiandodi qua e di làattraversandopaesi e cittàha scritto sui m.png

 

 

21 marzo: GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA.

La Giornata Mondiale della Poesia è stata istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale Unesco nel 1999 e celebrata per la prima volta il 21 marzo seguente. La data, che segna anche il primo giorno di primavera, riconosce all’espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e della comprensione interculturali, della diversità linguistica e culturale, della comunicazione e della pace.

La poesia trova spesso spazio nelle aule della primaria perché ai bambini piace moltissimo esprimersi con regole e mezzi differenti dalla prosa: rime, filastrocche, acronimi e haiku riscuotono sempre un grande successo tra i piccoli!

Cogliamo l’occasione che ci offre questa giornata per iniziare la giornata tra i banchi con una poesia di un autore conosciuto (ormai conoscerete la nostra passione per Bruno Tognolini e Mario Lodi, oltre ai classici Roberto Piumini e Gianni Rodari) oppure attivare un laboratorio di poesia per inventare una poesia. Scegliete voi se inserire questa attività in un percorso più articolato (anche all’interno di una UdA scientifica, perchè no?) oppure se farne un’attività a sé. Un buono spunto può essere costituito dal fatto che questa giornata coincida con il primo giorno di primavera: perché non programmare le attività coniugando poesia e primavera?

Noi proponiamo alcune poesie e rime sull’avvicendarsi delle stagioni, sulla primavera ed i nuovi inizi:

POESIA di Roberto Piumini “Le stagioni” in PDF

FILASTROCCA di primavera di Gianni Rodari in PDF

Se desiderate realizzare anche un’attività espressiva a tema primavera ecco la nostra idea Impara l’arte e mettila da parte ep. 5: un mazzo di fiori speciale 💐