COSA REGALARE AI BAMBINI CHE INIZIANO LA SCUOLA PRIMARIA?

Sono innumerevoli le proposte di narrativa per bambini di 5 anni ma quello che non può mancare nella biblioteca di un bimbo che dovrà iniziare la scuola primaria è un alfabetiere; ve ne proponiamo due, entrambi editi da Fatatrac.

Il primo che vi consigliamo è “Il mio primo alfabetiere” edito da Fatatrac, per diversi motivi:

– grande formato: questo librone da 25×34 cm è perfetto per i più piccoli, il libro ideale da sfogliare stesi sul tappeto

– pagine spesse, non grosse come quelle dei libretti per la prima infanzia ma sufficientemente robuste per essere trattate da manine poco esperte

– illustrazioni e colori: sgargianti e  accattivanti illustrazione affiancano le paroline presentate.

Lo potete acquistare sul sito di Fatatrac a questo link oppure

ACQUISTA SU AMAZON Il mio primo alfabetiere

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è unnamed-1.jpg

Il secondo, Città di parole, edito sempre da Fatatrac, è un piccolo scrigno di lettere, colori e architettura creato da Mauro Bellei. Definirlo libro sarebbe assolutamente riduttivo, infatti il suo creatore è un architetto e designer che nel tempo ha approfondito il tema del gioco didattico, seguendo le orme di Bruno Munari.

Il cofanetto contiene un piccolo libro con la storia del topolino Geo e dei suoi amici Lucia ed Edo, due bambini che stanno scoprendo l’alfabeto e provano a creare nuove parole mescolando e componendo le lettere insieme. Anche il topolino Geo si appassiona alla costruzione di parole, che come per magia possono diventare perfino tridimensionali. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è unnamed-2.jpg
Ecco che lo scrigno rivela il suo immenso tesoro creativo: insieme al libro contiene le sagome delle lettere dell’alfabeto, sagome che hanno la particolarità di poter essere incastrate una sull’altra per costruire (in tutti suoi significati) parole con o senza senso.

Oltre alle sagome delle lettere sono presenti anche le lettere stencil, che permettono di essere colorate, ripassate lungo il bordo, pitturate all’interno con acquerelli, insomma i possibili utilizzi sono infiniti e soprattutto stimolano la creatività del bambino.

Tramite la lettura della storia il bambino viene guidato nella costruzione della propria città di parole.

La dimensione ludica e i materiali concreti rendono la conoscenza dell’alfabeto un vero e proprio gioco, un percorso alla scoperta delle lettere e delle parole.

Consigliamo Città di parole perchè è un prodotto unico nel suo genere, perfetto per aiutare il bambino di 5-6 anni alla scoperta dell’alfabeto in modo ludico e creativo.

Potete acquistarlo cliccando sul seguente link:

Città di parole

Rispondi